Giornalismo costruttivo: come si riconosce

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Riconoscere una notizia che risponda alle caratteristiche del giornalismo costruttivo è necessario non solo per un addetto ai lavori ma per ogni lettore. Quando ci troviamo di fronte al flusso di notizie che proviene dalle diverse fonti di informazione a cui ci siamo abituati, è rispettoso verso noi stessi identificare cosa stiamo leggendo. Perché ciò che leggiamo contribuisce a determinare l’idea che ci facciamo della realtà e, di conseguenza, le emozioni e le credenze che coltiviamo nella nostra mente. Tutto ruota intorno alla domanda « E ora? ».

Ogni volta che ci avviciniamo a un contenuto – di qualunque forma – stiamo dando il permesso all’autore, alle parole e al messaggio di entrare nella nostra vita. E se è vero che chi scrive deve avere grande rispetto per chi legge, il lettore deve imparare a essere consapevole rispetto alla dinamica relazionale che si stabilisce con un contenuto.

Quando leggiamo nascono in noi emozioni di natura differente. Questo è un primo dato fondamentale per comprendere se ciò che stiamo leggendo è propositivo, costruttivo, negativamente fine a se stesso oppure eccessivamente positivo (fine a se stesso anche questo). Porta valore alla nostra opinione? Porta conoscenza? Ci offre delle soluzioni? Ci indica la strada?

Mentre leggiamo la storia che ci viene raccontata dobbiamo tenere a mente una domanda precisa « E ora? ». Questa è la domanda intorno alla quale ha preso vita la trasformazione del giornalismo tradizionale in giornalismo costruttivo o di soluzione, come amano definirlo gli americani. Si tratta della domanda che spinge chi scrive a trovare un sentiero per proseguire anziché lasciare il lettore in una strada senza uscita.

[Tweet “Il giornalismo costruttivo non lascia il lettore in una strada senza uscita.”]

Si tratta della sesta W (What now?) che si aggiunge alla regola delle 5 W (Who, What, When, Where, Why) definita dal giornalismo anglosassone e adottata da ogni professionista dell’informazione e della comunicazione.

Se trovi, nel contenuto che stai leggendo o ascoltando, la risposta alla domanda «E ora?» allora ti trovi di fronte a un esempio di giornalismo costruttivo e non dovresti perdere di vista l’autore, potrebbe darti tante altre ispirazioni importanti.

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MI prendo cura della tua mail. Promesso

Iscriviti alla mia Newsletter

Sarai sempre aggiornato sui miei articoli e riceverai contenuti esclusivi

Il tuo nome:
La tua mail: