Il potere dell’amore: mi fa paura chi non ci crede

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

«Ho paura di chi crede nel potere dell’amore come fai tu», queste parole mi sono arrivate attraverso un messaggio privato. Il mittente: una persona con cui avevo avuto qualche giorno prima un confronto sul potere straordinario dell’amore per stare bene e fare del bene. Gli ho chiesto perché e la sua risposta è stata molto chiara: «l’amore ti frega. Ti rende debole agli occhi degli altri e ti illude. È così». Era tanti anni fa. Quella persona non l’ho più vista. Ma qualche settimana fa gli ho mandato un messaggio che faceva seguito a quella sua perentoria descrizione dell’amore: «sai, il nostro discorso sull’amore? Volevo dirti che a me fanno più paura le persone che non ci credono».

L’amore è ossigeno per la nostra mente e il nostro corpo. Non è negoziabile. Più siamo connessi all’amore più siamo sani sia in termini fisici che emozionali. Meno siamo in connessione con la fonte dell’amore e più rischiamo l’indebolimento, il disagio, la malattia.

L’amore è una certezza. Non credo che si possa scegliere di amare o meno, credo piuttosto che si possa scegliere di riconoscere l’amore e di liberarlo. Con la delicatezza che lo caratterizza questo sentimento entra in ogni singolo attimo della nostra vita: quando compiamo un’azione per le persone della nostra famiglia, quando facciamo una scelta professionale, quando scegliamo di organizzare una cena con gli amici e quando collaboriamo a un progetto. A guidarci è l’amore.
È facile riconoscere dove c’è amore: si percepiscono rispetto, compassione, ascolto, fiducia, accoglienza, gratitudine.
È altrettanto semplice riconoscere un luogo o una relazione dove l’amore non riesce ad esprimersi. Si tratta di situazioni in cui trovano forza la rabbia, l’odio, la gelosia, il pregiudizio, la paura.

L’amore può entrare ovunque

Esistono ambiti in cui, talvolta, la parola amore non osa entrare. Nelle sale riunioni e negli uffici delle aziende, per esempio. Prova solo a immaginare come sarebbero diverse le cose se due colleghi collaborassero fianco a fianco esprimendo cura l’uno per l’altro, ascoltandosi e proteggendo i sentimenti di ciascuno.

Non dovremmo temere l’amore, non dovremmo nemmeno avere pregiudizi o attribuirlo alla debolezza di ciascuno di noi. L’amore non è semplicemente una scelta romantica, l’amore è molto di più.

La prossima volta che senti la tua coerenza, che percepisci di essere nel flusso e di poter interagire con ogni altro essere vivente avendo cura di proteggere la tua autenticità come la sua allora saprai di agire nell’amore.
Ovunque tu sia in quel momento.

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MI prendo cura della tua mail. Promesso

Iscriviti alla mia Newsletter

Sarai sempre aggiornato sui miei articoli e riceverai contenuti esclusivi

Il tuo nome:
La tua mail: