Successo e insuccesso: quali sono le differenze

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Amo osservare le persone che incontro. Mi piace cogliere le sfumature dei racconti. Trovo straordinario come, seppur con dinamiche e percorsi differenti, tutti noi possiamo riconoscerci in qualche elemento.

Esiste, di fatto, una grande differenza di pensiero tra le persone che nella vita ottengono i risultati per cui lavorano e quelli che, invece, faticano a raggiungere gli obiettivi. Il successo non è più un mistero da molto tempo. Potremmo anche dire che si tratta del tema del secolo: corsi, libri, articoli, video e post ci riempiono di idee e strumenti per diventare persone efficaci. Di successo, appunto.

Ma conoscerne le dinamiche non significa necessariamente saperle mettere in pratica. Quello che ci è chiaro è che il successo è una sorta di gioco mentale: ciò che conta davvero è la nostra psicologia. Il nostro modo di pensare. Vale più questo del proprio sapere.

Tutti sogniamo. Io sogno, tu sogni, le persone di successo sognano. Ognuno di noi se viene sollecitato a dedicare qualche minuto di riflessione sulla propria vita dirà che ambisce a migliorare il proprio stato. Le parole magiche sono: gioia, felicità, successo, contributo, arricchimento, spiritualità.

Basta ripercorrere la storia per ritrovarci a tu per tu con persone di successo divenute tale senza avere una particolare condizione economica di partenza o una conoscenza specifica. Non avevano necessariamente una provenienza geografica favorevole. Semplicemente accade che a parità di elementi e opportunità qualcuno ha successo e qualcuno no.

La differenza tra le due tipologie di persone è nel modo di pensare, certo. Ma ancora di più è nell’atteggiamento che si sceglie di fronte al nuovo. Chi non riesce a raggiungere i propri obiettivi, solitamente, arriva alla fase in cui definisce il sogno e anche i primi passi da compiere. Questo è il momento in cui si ferma e mette in moto tre diverse opzioni limitanti: non so come farlo; mi manca qualcosa; io non  sono come le persone di successo.

Di fronte alla stessa situazione la persona che ottiene risultati risponde a queste tre tipologie di scuse in modo differente. Non so come farlo, quindi devo formarmi su questo. MI manca qualcosa, quindi comincio a procurarmi ciò che manca. Non sono come le persone di successo, ma posso diventarlo.

Stesso sogno, stessa vision, stesso tempo a disposizione. Solo una grande differenza: dove c’è un intoppo qualcuno cerca la strada per aggirare il muro, qualcun altro preferisce fermarsi. «Impariamo a passare al livello successivo di pensiero – afferma Brendon Burchard, autore di bestseller sulla crescita personale. Il che, in pratica, si traduce in tanto lavoro, un’agenda ricca di cose da fare concretamente e visioni da rivedere di volta in volta.

Quando si dice che possiamo diventare quello che vogliamo si intende proprio questo: definire cosa ci manca e cominciare a delinare il percorso per arrivarci. Non ci sono altre soluzioni.

Siamo studenti. Lo saremo sempre nella vita. E a dire il vero è la parte affascinante dell’esistenza.

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MI prendo cura della tua mail. Promesso

Iscriviti alla mia Newsletter

Sarai sempre aggiornato sui miei articoli e riceverai contenuti esclusivi

Il tuo nome:
La tua mail: